Movimento Rete: "Tutela territoriale e sviluppo economico, un percorso di pari passo"

2' di lettura 29/09/2021 - A breve affronteremo il dibattito sul nuovo Piano Regolatore (PRG), strumento che riteniamo essere ideale per definire le nuove linee di indirizzo di sviluppo del territorio e delle imprese. Riteniamo ci debba essere un confronto aperto con tutta la cittadinanza affinché si giunga a una normativa chiara e univoca, che impedisca l’interpretazione dello stesso PRG e che non lasci spazio ai Piani Particolareggiati che ne modificano continuamente la struttura.

La vendita dei terreni, che si tratti di ampie metrature o di “frustoli”, è sempre stata delicata ed ha provocato in diverse occasioni dibattiti politici contrapposti.

Il Movimento RETE è convinto che lo sviluppo delle aziende e la tutela delle proprietà pubbliche non siano in alcun modo interessi contrapposti, ma debbano essere declinati con reciproca soddisfazione.

L’incremento delle aziende sammarinesi, che fanno richiesta di terreni pubblici per scopi produttivi o di servizio, deve essere garantito ma in presenza dei requisiti di Legge chiari e precisi, in grado di contemperare le esigenze dei privati con la tutela territoriale dello Stato.

Per non creare discriminazioni tra aziende crediamo che in futuro si dovranno analizzare i dettagli delle situazioni esistenti, al fine di creare una linea direttrice affinché le aziende esistenti (e quelle che si insedieranno) abbiano chiaro l’orientamento della politica sammarinese a favore delle imprese.

In questa fase transitoria abbiamo ritenuto possibile l’utilizzo di strumenti alternativi alla vendita, quali le concessioni d’uso con diritto di superficie in attesa di delineare le linee generali.

Una linea di azione chiara che sia punto di partenza per garantire alle aziende pieno sviluppo in Repubblica e per far sì che le stesse non debbano sempre passare per l’arbitrarietà della politica.

RETE si compiace per l’accoglimento della modalità di concessione d’uso avvallata con delibera del Congresso di Stato che hanno interessato le ultime richieste sospese in Consiglio Grande e Generale, a dimostrazione che è sempre possibile trovare una posizione comune seppur partendo da esigenze differenti.

Proprio per questo il Movimento darà sempre la propria disponibilità nel contribuire a creare la consapevolezza necessaria alla buona riuscita e alla costruzione della San Marino dei prossimi anni, affinché l’interesse del Paese e il suo sviluppo economico possano procedere in armonia.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-09-2021 alle 18:01 sul giornale del 30 settembre 2021 - 113 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/clMa





logoEV